Editoriale
Editoriale

Editoriale

Raccolta degli editoriali apparsi all'inizio di ciascun fascicolo di Natural 1. Per ripercorrere le varie tappe del cammino di Natural 1 negli ultimi anni.

Editoriale Natural 1 - aprile 2018

Puntualmente tutte le mattine, con orario flessibile che varia tra le 6 e le 7, le unghiette (un eufemismo) di Birillo solleticano una mano o un braccio. È l’ora della sveglia, che sia lunedì, mercoledì o domenica… Birillo è un gatto esigente, non vuole subito la sua ciotola di pesce bollito, prima si accovaccia sotto il cassetto dove è custodito l’oggetto del suo desiderio: la spazzolina coi fini denti di metallo che serve per pettinare il suo folto e morbido pelo. E così, dopo un’energica spazzolata, si può fare finalmente colazione.

Editoriale Natural 1 - marzo 2018

Dal dizionario Treccani: “a) L’atto, l’opera di innovare, cioè di introdurre nuovi sistemi, nuovi ordinamenti, nuovi metodi di produzione e sim. b) In senso concr., ogni novità, mutamento, trasformazione che modifichi radicalmente o provochi comunque un efficace svecchiamento in un ordinamento politico o sociale, in un metodo di produzione, in una tecnica, ecc.”.
Sono alcuni significati del termine ‘innovazione’. Una parola utilizzata frequentemente nella comunicazione della ricerca tecnologica e scientifica come in quella del marketing aziendale, perché innovare vuol dire progredire e crescere. Per le aziende significa stare al passo con l’evoluzione dei processi tecnologici, in modo da realizzare prodotti che attraggano il consumatore, sempre più attento e informato.

Editoriale Natural 1 - gennaio-febbraio 2018

Cuochi, cucine e ristoranti sono sempre di più i protagonisti che animano trasmissioni televisive a loro dedicate, in cui il cibo diventa spettacolo. Libri di ricette semplici e complesse, più o meno esotiche o tradizionali con una variante, di consigli di chef stellati o improvvisati, riempiono scaffali e vetrine delle librerie, fisiche e virtuali. Per non parlare delle diete, di tutti i tipi e per tutti i gusti. Mangiare bene è indubbiamente un piacere, mangiare in maniera sana e adeguata è il presupposto del benessere, visto che il legame tra l’alimentazione e lo sviluppo di un ampio numero di malattie è dimostrato da innumerevoli studi scientifici. L’International Diabetes Federation stima che nel mondo 425 milioni di adulti (1 su 11) abbiano il diabete, dei quali solo a 1 su 2 è stato diagnosticato. In Italia i diabetici sono oltre 3.200.000.

Editoriale Natural 1 - dicembre 2017

Vive in Indonesia, nella regione settentrionale dell’isola di Sumatra ed è stato chiamato Orango Tapanuli. È una nuova specie di primate, la cui esistenza è stata confermata nel 1997 e in seguito a studi sull’anatomia e analisi del DNA è stato classificato dagli scienziati e aggiunto alla famiglia delle grandi scimmie.
Un cuore artificiale in grado di pompare sangue, realizzato interamente in silicone, senza parti meccaniche o in metallo, costruito grazie a una stampante 3D. È proprio questa tecnologia, ormai ampiamente diffusa nei più svariati settori, che ha permesso di creare la complessa struttura interna di questo cuore, pur utilizzando un materiale flessibile e morbido come il silicone. I test effettuati hanno dimostrato che è in grado di funzionare in maniera del tutto simile a un cuore naturale. Ma ci sono ancora alcuni problemi da superare prima di un suo auspicabile utilizzo clinico: il monoblocco di silicone infatti resiste solo per circa 3.000 battiti, in pratica mezz’ora.

Editoriale Natural 1 - novembre 2017

Secondo la tradizione, la carta fu prodotta per la prima volta nel 105 d.C. da Ts’ai Lun, un eunuco della corte cinese dell’imperatore Ho Ti. Il materiale usato era probabilmente la corteccia dell’albero del gelso da carta (Broussonetia papyrifera), opportunamente trattata e filtrata in uno stampo di bastoncini di bambù o forse, come altri asseriscono, con vecchi stracci, reti da pesca e scorza d’albero. Ne scaturì comunque uno strumento alla portata di tutti, fin dall’inizio.
Come si concretizzava prima di allora il pensiero umano? Erano utilizzati i materiali più diversi: dalle foglie alla corteccia degli alberi, dalle tavolette di avorio e di bambù a quelle di argilla, dalle lastre di bronzo o di piombo alle tavole di pietra. Materiali piuttosto scomodi, in verità.

Editoriale Natural 1 - ottobre 2017

Un lasso di tempo enorme, saranno necessari almeno quindici anni per ristabilire equilibrio e biodiversità nei boschi andati a fuoco nel corso dell’estate in tutto il Paese: la perdita di vite umane innanzi tutto, e la  distruzione di ampie aree di bosco che concorrono ad assorbire l’anidride carbonica responsabile dei cambiamenti climatici, con inestimabili danni agli ecosistemi colpiti ed effetti sulla già precaria tenuta idrogeologica del territorio: un vero disastro sociale ed ecologico.  
Distrutte Intere comunità di organismi viventi che interagiscono tra di loro, popolazioni costituite ognuna da organismi della stessa specie e che interagiscono anche con la componente abiotica formando l’ecosistema.

Pagina 1 di 11

Area Riservata Abbonati GOLD



Natural1 fa uso di cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e raccomandiamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare a pieno la navigazione. Per maggiori informazioni informativa sulla privacy.

Acetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk