Editoriale Natural 1 – aprile 2016

Aprile: conserviamo la natura e respiriamo la vita
La parola d’ordine di aprile è stare all’aria aperta, godersi la natura e preparare il nostro corpo ad affrontare  lo stress dei primi caldi con una sana alimentazione e un adeguato scioglimento muscolare.
Se ci troviamo nel bel mezzo di un bosco a passeggiare, su una spiaggia a contemplare l’orizzonte o in mezzo al traffico della nostra città, ricordiamoci che nel VI secolo avanti Cristo, il leggendario filosofo cinese Lao Tzi recitava: “fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce”.
Il mese di aprile è certamente il più adatto per valorizzare il contenuto di questa frase, in quanto il 22 aprile si celebra la Giornata della Terra, una riflessione che 175 Paesi dedicano ai problemi ambientali e alla conservazione delle  risorse naturali.
Una ghiotta occasione per tutti noi che dobbiamo doverosamente  sensibilizzare il Pianeta affinché si valutino le problematiche dell’inquinamento di acqua, terra e suolo, l’inesorabile dissoluzione degli ecosistemi, l’involuzione della flora e della fauna e l’inevitabile esaurimento delle risorse non rinnovabili.
Ogni anno quindi, più di un miliardo di “cittadini del mondo” trovano un punto di convergenza per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia.
L’Hearth Day fu ufficializzato nel 1969 dopo il disastro ecologico avvenuto al largo della California in seguito alla fuoriuscita di petrolio dal pozzo della Union Oil: si sancì che “. “Tutte le persone, a prescindere dall’etnia, dal sesso, dal proprio reddito o provenienza geografica, hanno il diritto ad un ambiente sano, equilibrato e sostenibile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.