Editoriale Natural 1 – dicembre 2013

Il Turco, un automa giocatore di scacchi costruito nel 1770, affascinò per quasi un secolo moltissimi spettatori fino alla sua distruzione in un incendio nel 1854. Questo primordiale “robot” aveva l’aspetto e il vestiario di un mediorientale e la Storia ci racconta che abbia battuto a scacchi Napoleone Bonaparte e Benjamin Franklin. Purtroppo non fu possibile rivelare il trucco utilizzato, ma la teoria più accreditata è che all’interno della scrivania, insieme ai moltissimi ingranaggi, si nascondesse un uomo di piccola statura, un maestro di scacchi, che muovendo la mano del Turco ricreava quella surreale circostanza in cui per la prima volta una macchina, un’intelligenza artificiale, sfidava l’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.