Editoriale Natural 1 – dicembre 2016

Statistiche, sondaggi, proiezioni: tre modi differenti e talvolta sinergici per affrontare il presente e soprattutto per prepararsi al futuro.
Molto spesso si tende a confondere il significato degli strumenti e gli interlocutori televisivi, che quotidianamente ci propinano numeri snocciolati alla rinfusa arbitrariamente a uso e consumo dei loro convincimenti, manifestano tutta la loro impreparazione e scarso approfondimento.
Non meno estranei sono i moderatori/ conduttori che accettano di buon grado il confronto televisivo tra le parti acconsentendo alla completa anarchia dialettica senza pretendere e ottenere riscontri oggettivi.
Alla fine del 1700, il filosofo Gottfried Achenwall, volle utilizzare gli elementi in suo possesso come scienza deputata a raccogliere dati utili per governare meglio, un metodo scientifico che si avvalesse della matematica per studiare in modo sintetico i fenomeni collettivi analizzandone le informazioni relative e fu il precursore dell’attuale ISTAT, nato con il nome di Ufficio Statistico Nazionale ai tempi dell’Unità d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.