Editoriale Natural 1 – settembre 2016

Il 60% della popolazione italiana è sovrappeso e le ultime stime dell’OMS dichiarano che il 20% è considerato obeso: eccesso di benessere e attenzione alimentare fuori controllo? E sì che all’inizio del ‘900 eravamo un popolo povero, analfabeta e denutrito, poi il consumo delle carni negli anni del boom economico raggiunse i circa 27 chilogrammi pro capite mentre oggi si attesta sui 78 chilogrammi (!).
Se il nostro punto di riferimento sono gli USA, siamo sulla buona strada (120 chilogrammi pro capite) ma se il confronto è fatto sulla media mondiale (40 chilogrammi) ci accorgiamo che i conti non tornano.
Le statistiche e Trilussa lasciano il tempo che trovano: noi mangiamo per due, gli americani per tre e qualcuno salta il pasto.
E gli altri paesi europei? Si può dire che il nostro consumo alimentare pro capite in generale è di venti punti superiore alla media, ma utilizziamo un’alimentazione più ragionata e consapevole nelle scelte d’acquisto, localizzate nei nostri territori ricchi di prelibatezze ed eccellenze che tutto il mondo ci invidia. Di conseguenza le ricadute economiche restano significativamente in loco a discapito di un approccio più globalizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.