International News (maggio 2016): Semi d’uva e pressione sanguigna; Integratori vegetali e possibili effetti avversi; Sciroppo di cedro ed emicrania

  • Home
  • International research

– L’uva e i prodotti derivati contengono un’ampia gamma di composti, in particolare i semi d’uva possiedono un’elevata concentrazione di catechine, epicatechine e tannini, in funzione della varietà, della lavorazione, delle condizioni e del tempo di conservazione. Alcuni studi clinici riguardanti l’integrazione alimentare con estratti di semi d’uva hanno mostrato una riduzione clinicamente rilevante della pressione sistolica e di quella diastolica.

– Nell’ambito del Progetto PlantLIBRA è stata effettuata la prima indagine europea che ha coinvolto 2.359 soggetti adulti di Finlandia, Germania, Italia, Romania, Spagna e Regno Unito, volta a ottenere nuovi dati sul consumo di integratori alimentari a base di ingredienti vegetali (Plant Food Supplements – PFS), i cosiddetti botanicals.

– Recenti studi farmacologici hanno indicato che il frutto del cedro (Citrus medica L.) possiede proprietà analgesiche e antiossidanti, ascrivibili al contenuto di flavonoidi, polisaccaridi e acidi organici.
Per valutare l’efficacia e la sicurezza dell’uso dello sciroppo di cedro in pazienti con emicrania, alcuni ricercatori iraniani hanno progettato uno studio clinico in doppio cieco randomizzato e controllato con placebo, che ha coinvolto 90 soggetti con emicrania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.