La bioplastica dagli scarti di lavorazione dell’olio d’oliva

 

Molti studi indicano come i rifiuti da frantoio possano essere considerati una risorsa economica, impiegati sia per la produzione di concimi per migliorare l’habitat del
suolo, che per la realizzazione di polimeri adatti a produrre bio-plastica, composti antiossidanti ed enzimi, oltre che combustibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.