Laboratorio

Laboratorio

L’enorme sviluppo delle tecniche analitiche chimico-fisiche (tra cui, per esempio,  cromatografia liquida, gasmassa, risonanza magnetica nucleare) oltre alle già note e sempre più sofisticate metodiche cromatografiche di ogni tipo, ha permesso, in questo ultimo ventennio, un approfondimento senza pari delle conoscenze sulle piante medicinali, mentre l’applicazione delle ricerche farmacologiche e cliniche alla fitoterapia, ha prodotto una maggior fiducia del consumatore nei rimedi naturali.
(da Natural 1, settembre 2001)

Liriosma ovata. Caratterizzazione di un fitoestratto bioattivo con attività antimicrobica e antinfiammatoria topica

Da una pianta diffusa in America Latina, Liriosma ovata, utilizzata dai nativi anche esternamente per il trattamento di affezioni cutanee, un fitoestratto che ha evidenziato attività antimicrobica e antinfiammatoria topica, le quali lo rendono un potenziale ingrediente cosmetico, anche per l’azione autopreservante che può impartire al prodotto.

Safety assessment di Foeniculum vulgare Mill. (semi e olio essenziale) e di estragolo: cito e genotossicità in vitro in cellule umane HepG2

I semi di finocchio sono ben conosciuti per le loro proprietà carminative e in forma di infuso sono spesso utilizzati per prevenire flatulenza e coliche del lattante. Il componente principale dell’olio essenziale, l’estragolo, è però all’attenzione dei ricercatori per i suoi possibili effetti cancerogeni: nell’articolo uno studio sulla sicurezza d’uso di alcuni fitoderivati contenenti questa sostanza.

Curculigo orchioides Gaertn. Attività antiossidante e proprietà farmacologiche

Rizomi e radici di Curculigo orchioides, pianta diffusa nelle regioni tropicali e subtropicali, sono utilizzati come rimedi in diverse medicine tradizionali orientali. Alla luce dell’isolamento di alcuni nuovi composti attivi contenuti nella droga è stata attuata questa ricerca sulle loro proprietà antiossidanti e sulle potenzialità farmacologiche.

Spettroscopia NIR, applicazione nell’analisi di estratti secchi di melograno

Le moderne tecnologie analitiche sono fondamentali per l’identificazione e la determinazione della quantità di principi attivi presenti in un estratto vegetale, tra queste una di particolare interesse è la spettroscopia nel vicino infrarosso, che permette analisi precise e personalizzate. In questo articolo lo sviluppo di un metodo di calibrazione nato dalla collaborazione tra azienda e università.

Composizione chimica e proprietà fitoterapiche di Paeonia rockii

Specie arbustiva poco conosciuta, originaria del nord-est della Cina, questa peonia dai bei fiori grandi e profumati è stata oggetto di uno studio mirato a identificare la sua composizione chimica e le relative proprietà biologiche, in particolare quella citotossica.

Verifica delle procedure di identificazione macroscopica e mediante cromatografia su strato sottile di alcune droghe vegetali iscritte in Farmacopea europea

Il corretto riconoscimento di una droga vegetale è fondamentale per la qualità dei fitoderivati; le procedure di un laboratorio analitico, che devono essere riproducibili, fanno riferimento alla Farmacopea, alle varie monografie di piante e utilizzano la TLC, tecnica di routine consolidata ed efficace, per lo screening e l’identificazione dei principi attivi caratterizzanti le matrici vegetali.

Pagina 2 di 8

Nuova fotogallery 2014

 

Nuova fotogallery 2014

 

Nuova fotogallery 2014

Abbonamenti

Abbonamento basic
Abbonamento gold

Abbonamento studenti

Cerca nel sito

Natural1 fa uso di cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e raccomandiamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare a pieno la navigazione. Per maggiori informazioni informativa sulla privacy.

Acetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk