Ricerca

Ricerca

"Quanto più profondamente penetriamo nel mondo submicroscopico, tanto più ci rendiamo conto che il fisico moderno, parimenti al mistico orientale, è giunto a considerare il mondo come un insieme di componenti  inseparabili, interagenti e in modo continuo, e che l'uomo è parte integrante di questo sistema" da: Il Tao della fisica di Fritjof Capra ed. Adelphi - ed. Aboca.
Talvolta i giudizi dati dai ricercatori  sono basati solo su singole sostanze presenti  nella pianta e non sulla pianta nella sua complessità, totalità ed integrità. Oggi un prodotto, con una base di medesimi contenuti,  potrebbe essere  considerato "integratore alimentare" o "farmaco vegetale"  in base alle legislazioni vigenti  nei diversi Paesi in cui viene commercializzato.Non dobbiamo guardare il mondo della ricerca solo con la  luce intrappolata di un piccolo led. E' più che mai necessario aprirsi  a tutto il mondo. Perciò parte degli articoli che troverete in questa sezione anche in lingua originale, sono stati tratti dalla nostra sezione "English section".

Efficacia della nebulizzazione ambientale di oli essenziali contro le zanzare

Jessica Girardi, Erika Carla Pierattini, Stefano Bedini, Augusto Loni, Rossella Bocchino, Paolo Giannotti, Barbara Conti

Il controllo delle zanzare, sia delle larve sia degli esemplari adulti, si avvale principalmente di insetticidi di sintesi e di piretrine, le quali pur essendo molecole di origine naturale non sono esenti da problemi di tossicità o dall’induzione di resistenza acquisita. Gli oli essenziali rappresentano una valida ed efficace alternativa a queste sostanze per la lotta alle zanzare adulte in luoghi verdi privati e pubblici e presentano anche un basso impatto ambientale e una maggiore sicurezza.

Natural 1

Proprietà antivirali del mirtillo rosso americano (Vaccinium macrocarpon Aiton, Ericaceae) contro Herpes simplex e Influenza (H1N1).

Massimo Maffei

Il cranberry, piccolo frutto di origine americana, presenta un profilo fitochimico differente da quello del parente europeo Vaccinium vitis-idea, essendo caratterizzato da un alto contenuto di proantocianidine, sostanze in grado di bloccare l’adesione dei batteri alle cellule, impedendone così l’ingresso e il progredire dell’infezione. Questa proprietà, caratteristica peculiare del cranberry, si rivela un’ottima strategia anche nei confronti dei virus, in particolare l’Herpes simplex e quelli dell’influenza.

Natural 1

Studio in vitro dell’attività antitumorale di due frazioni dell’estratto idroalcolico di Hemidesmus indicus

Giulia Greco

Una pianta le cui radici sono utilizzate nella medicina Ayurvedica, in forma di decotto, per il trattamento di numerosi disturbi quali dissenteria, dispepsia, intossicazioni, tosse e febbre. Ricerche recenti hanno preso in considerazione l’attività farmacologica antitumorale di Hemidesmus, in particolare gli effetti genotossici, antiossidanti, antiproliferativi e di induzione all’apoptosi. In questo scenario si inserisce questo studio, che mostra ancora una volta il legame tra uso tradizionale e moderna ricerca scientifica.

Natural 1

The other side of the moon: il metabolismo secondario nelle gemme

Fabrizio Gelmini, Jacopo Rota, Giangiacomo Beretta

La gemmoterapia basa i presupposti della sua attività biologica sull’impiego di tessuti meristematici vegetali e sul loro contenuto di prodotti del metabolismo primario, ritenuti tradizionalmente responsabili delle proprietà dei gemmoderivati. Sono pochi finora gli studi scientifici volti a fornire una caratterizzazione fitochimica nella sua interezza. Scopo di questo lavoro è stato quello di fornire un protocollo analitico per caratterizzare mediante gas-cromatografia i costituenti del fitocomplesso contenuto nelle gemme, evidenziando come siano presenti anche composti che derivano dal metabolismo secondario, i quali giustificano o supportano le diverse attività biologiche dei gemmoderivati.

Natural 1

Una compressa Vin-cente per la prevenzione cardiovascolare

Fabrizia Guerra

Identificare e intervenire sui possibili fattori di rischio delle malattie cardiovascolari è una strategia vincente per la loro prevenzione. Recenti studi hanno evidenziato un legame tra il metabolismo microbico intestinale e la malattia coronarica, che avviene attraverso la produzione di una sostanza, a partire dal catabolismo di alcuni nutrienti introdotti con la dieta, chiamata TMAO. I polifenoli estratti dalle vinacce si sono rivelati particolamente efficaci nel ridurre i livelli di questo metabolita ad azione pro-aterosclerotica.

Natural 1

Effetti di un estratto standardizzato di Cannabis sativa L. sulla risposta infiammatoria centrale e periferica

Vittoria Borgonetti

Cannabis sativa è una pianta che suscita un grande interesse per le sue proprietà farmacologiche, sempre più oggetto di studi scientifici, ma anche molte polemiche per la recente “liberalizzazione” della coltivazione di piante prive di THC, il principio attivo psicoattivo, e la conseguente vendita dei prodotti ottenuti da esse. Nel lavoro che presentiamo sono evidenziate le proprietà antinfiammatorie del fitocomplesso di un estratto di infiorescenze femminili di questo tipo di Cannabis.

Natural 1

Pagina 1 di 29

Nuova fotogallery 2014

 

Nuova fotogallery 2014

 

Nuova fotogallery 2014

 

Nuova fotogallery 2014

 

Nuova fotogallery 2014

Abbonamenti

Abbonamento basic
Abbonamento gold

Abbonamento studenti

Cerca nel sito

Natural1 fa uso di cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e raccomandiamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare a pieno la navigazione. Per maggiori informazioni informativa sulla privacy.

Acetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk