Schede piante

Schede piante

Botanica, composizione chimica, farmacologia, tossicologia, clinica, indicazioni terapeutiche, effetti collaterali e controindicazioni, dosaggi, storia e letteratura: ecco le molte voci che concorrono a fornire un quadro completo ed esaustivo delle caratteristiche di una pianta.

Natural 1

Zingiber officinale Roscoe

Gli studi farmacologici hanno dimostrato che estratti acetonici del rizoma di zenzero somministrati oralmente a varie specie animali (p.e., il rospo Suncus murins) hanno fornito una completa protezione dall’emesi provocata dall’antitumorale ciclofosfamide somministrato s.c. un’ora prima. Il 6-gingerolo somministrato oralmente è risultato ugualmente efficace...

Valeriana officinalis L.S.L.

Gli studi in vitro hanno dimostrato che negli estratti di valeriana vi sono composti che si legano ai recettori del GABA, dell’adenosina, dei barbiturici e delle benzodiazepine, con ciò fornendo una spiegazione dell’attività sedativa ed ansiolitica della pianta. In vivo, vari estratti della radice di valeriana hanno di conseguenza mostrato di esercitare un’azione depressiva sul sistema nervoso centrale...

Harpagophitum procumbens Burch.

Recenti studi in vitro indicano che le preparazioni di arpagofito possono interagire con la cascata dell’infiammazione, inclusa la sintesi e l’attività delle citochine. In particolare, è stata evidenziata la capacità dell’estratto acquoso delle radici secondarie tuberizzate di sopprimere l’espressione della cicloossigenasi di tipo 2 (COX-2) stimolata dai lipopolisaccaridi e della ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS) nei fibroblasti murini L929...

Eleutherococcus senticosus Maxim.

Gli studi in vitro hanno rivelato che preparazioni della droga esercitano un’attività antivirale contro retrovirus umani, contro il virus sinciziale respiratorio e contro il virus A dell’influenza (un estratto etanolico fluido) ed una attività antiproliferativa contro le cellule leucemiche della linea L1210 (un estratto acquoso essiccato a freddo). Inoltre, cinque differenti test biochimici in vitro hanno dimostrato l’attività antiossidante (scavenger dei radicali liberi e inibente la perossidazione lipidica) dello stesso estratto acquoso essiccato a freddo...

Harpagophytum procumbens (Burch.)DC.

...recenti studi in vitro hanno indicato che le preparazioni di arpagofito possono interagire con la cascata dell’infiammazione, inclusa la sintesi e l’attività delle citochine. In particolare, è stata evidenziata la capacità dell’estratto acquoso di sopprimere l’espressione della ciclossigenasi di tipo 2 (COX-2) stimolata dai lipopolisaccaridi e della ossido nitrico sintetasi nei fibroblasti murini L929...

Ruta graveolens L.

Nella medicina tradizionale la ruta è utilizzata come emmenagoga, antispasmodica intestinale, stimolante uterina, emostatica e vermifuga. Gli alcaloidi della rutina (particolarmente l’arborinina e la _-fagarina), le furanocumarine (bergaptene e xantotossine) e l’olio di ruta hanno effetti spasmolitici sulla muscolatura liscia...

Pagina 14 di 17

Nuova fotogallery 2014

 

Nuova fotogallery 2014

Abbonamenti

Abbonamento basic
  Abbonamento gold

Abbonamento studenti

Cerca nel sito

Natural1 fa uso di cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e raccomandiamo di accettarne l'utilizzo per sfruttare a pieno la navigazione. Per maggiori informazioni informativa sulla privacy.

Acetto i cookies da questo sito.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk